FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

giovedì 1 luglio 2010

PRESENTAZIONE PERCORSO TOUR DE FRANCE 2010

La 97a edizione del Tour de France scatterà da Rotterdam il 3 luglio e si concluderà a Parigi il 25 luglio. Nel mezzo 1 prologo e 20 tappe in linea per un totale di 21 giorni di corsa e 2 di riposo. La competizione francese, come il Giro d'Italia di quest'anno, partirà quindi dall'Olanda, proseguirà per le mitiche cotes della Liegi Bastogne Liegi, ripercorrerà la foresta di Arenberg della storica Parigi-Roubaix e scenderà fino alle Alpi dove ci saranno le prime rampe con arrivi in salita. Successivamente si scende verso Sud fino ai Pirenei, che festaggiano i cento anni dalla loro prima apparizione alla Grande Boucle, dove si deciderà la classifica: quattro frazioni con l’ultima sul leggendario Tourmalet. Penultima tappa una Cronometro individuale di 51 km. Infine passerella sui campi Elisi e Podio davanti all'Arco di Trionfo. Favorito lo spagnolo Alberto Contador, maglia gialla 2009. I principali rivali saranno: Lance Armstrong, Andy Schleck, Cadel Evans e la maglia rosa 2010 Ivan Basso.

Le tappe possono essere suddivisein questo modo: 1 prologo; 9 frazioni pianeggianti; 6 di montagna con 3 arrivi in salita; 4 tappe ondulate adatte agli attaccanti e ai corridori esplosivi e una solo crono, ma molto lunga: da specialisti. In totale sono 3596 km e 23 colli da scalare divisi in 3 categorie di difficoltà.
Gli arrivi in salita che decideranno la classifica sono: Morzine (6a tappa) , Ax-3 Domaines (14a tappa) e Col du Tourmalet (16a/18a tappa) che si scalerà due volte .
Saranno presenti altre tappe di salita, con numerose montagne da scalare nella stessa giornata, ma con arrivo lontano dalla vetta. Le caratterisiche del delle salite del Tour rimangono le medesime: pendenze non impossibili, ma ascese lunghe, infinit
e, massacranti e frazioni con 3, 4 o anche 5 GPM, una corsa da fondisti. Fondamentali le doti di Recupero e Resistenza oltre che all'esperienza e intelligenza nel sapersi gestire.
Attenzione alla terza tappa; quando il T
our affronterà il temibile Pavè (in totale sette settori) e arriverà vicino alla foresta di Aremberg.

Ecco di seguito l'elenco delle tappe con l'altimetria delle tappe di montagna:


Prologo 3 Luglio - Rotterdam > Rotterdam 8km - Prologo

1) 4 luglio: 1a Tappa - Rotterdam > Bruxelles 224 km - Pianeggiante

2) 5 luglio: 2a Tappa - Bruxelles > Spa 192 km - O
ndulata

3) 6 luglio: 3a Tappa - Wanze > Arenberg Porte du
Hainaut 207 km - 13 km di Pavè, pianeggiante - Frazione temuta dal gruppo, si affrontano tratti della Roubaix e molti atleti non hanno esperienza su questo tipo di strade. Giornata insidiosa, qui si possono perdere secondi preziosi, stile Montalcino.

4) 7 luglio: 4a Tappa - Cambrai > Reims 150 km - Pianeggiante

5) 8 luglio: 5a Tappa - Épernay > Montargis 185 km - Pianeggiante

6) 9 luglio: 6a Tappa - Montargis > Gueugnon 225 km - Pianeggiante

7) 10 luglio: 7a Tappa - Tournus > Station
des Rousses 161 km - Media montagna con Croix de la Serre e arrivo su una salita non molto dura

8) 11 luglio: 8a Tappa - Station des Rousses > Morzine-Avoriaz 189 km - Primo arrivo in quota, si affrontano 2 salite Ramaz e Avoriaz al 6/7 %
di pendenza, ma molto lunghe. Qui avverrà la prima vera selezione.













12 luglio - Riposo a Morzine-Avoriaz

9) 13 luglio: 9a Tappa - Morzine-Avoriaz > Saint-Jean-de-Maurienne 204 km - Dopo il riposo ancora tappa alpina. Subito 3 salite in partenza, poi la Madeleine, salita dura, ma a 30 km dall'arrivo. Giornata da attaccanti, ma qualcuno potrebbe fare corsa dura, il terreno buono per i Big c'è però bisogna rischiare.














10) 14 luglio: 10a Tappa - Chambéry > Gap 179 km - Restiamo sulle Alpi, ma il percorso è ondulato, buono per una fuga.

11) 15 luglio: 11a Tappa - Sisteron > Bourg-lès-
Valence 180 km - Pianeggiante

12) 16 luglio: 12a Tappa - Bourg-de-Péage >
Mende 210 km - L'arrivo a Mende è in cima ad una salita breve, ma ripida, un vero e proprio muro. Per corridori esplosivi, qui ci sta la zampata.

13) 17 luglio: 13a Tappa - Rodez > Revel 195 km - Tappa Pianeggiante

14) 18 luglio: 14a Tappa - Revel > Ax-3 Domaines 184 km - Una delle tappe più dure del Tour. Si arriva sui Pirenei, si affronteranno salite
non storiche, ma tra le più dure presenti in questa catena montuosa. Ascese lunghe e sfiancanti: arrivo per pochi intimi.













15) 19 luglio: 15a Tappa - Pamiers > Bagnères-de-Luchon 187 km - Seconda giornata sui Pirenei. Si affronteranno Portet d'Aspet e Ares, prima del Portes de Balès, già affrontata nel 2007. Finale per i Big.












16) 20 luglio: 16a Tappa - Bagnères-de-Luchon > Pau 196 km - Tappone con: Peyresurde, Aspin e Tourmalet nei primi km, poi l'Aubisque a 60 km dall'arrivo. Un modo orrendo per rendere omaggio ai Pirenei, tante salite, me t
utte lontane dal traguardo: uno spreco. Con tutto questo ben di Dio così lontano dal traguardo i Big staranno a guardare. A meno che qualcuno non voglia far saltare il banco. Comunque Incomprensibile.











21 luglio - Riposo a Pau

17) 22 luglio: 17a Tappa - Pau > Col du Tourmalet 174 km - Dopo il riposo si chiude col botto sui Pirenei: si scalano Marie Blanque e Soulour per poi salire sul Tourmalet, posto stavolta come arrivo di tappa come non accadeva dal 1974. Ascesa finale spettacolare.












18) 23 luglio: 18a Tappa - Salies-de-Béarn > Bordeaux 190 km - Tappa Pianeggiante

19) 24 luglio: 19a Tappa - Bordeaux > Pauillac 51 km - Cronometro individuale, molto lunga e affrontata dopo 3 settimane di corsa. Crono da specialisti anche se la fatica molto probabilmente livellerà i valori e si infliggeranno distacchi non enormi. Potrebbe essere comunque decisiva.

20) 25 luglio: 20a Tappa - Longjumeau > Paris Champs-Élysées 105 km -Pianeggiante - Classica passarella finale sui Campi elisi.


Un tour con poca crono e una buona dose di montagna. La corsa si vincerà in salita e non contro il tempo anche se tutto si potrebbe decidere proprio alla cronometro finale. Chi vorrà vincere non potrà guadagnare terreno contro il tempo, bensì dovrà staccare tutti in salita. In conclusione resta un'edizione per scalatori, con tappe impegantive, ma non impossibili sulla carta, ma lo sappiamo: all'università del ciclismo ogni esame è selettivo.

Percorso ufficiale 2010.

Nessun commento: