FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

sabato 3 luglio 2010

COME DA PRONOSTICO: CANCELLARA PRIMA MAGLIA GIALLA

Partiti! Il Tour de France 2010 è cominciato oggi, quando Iban Mayoz alle ore 16:15, è sceso dalla pedana posta alla partenza del prologo di Rotterdam. Come da pronostici (per una volta anche nostri), Fabian Cancellara è la prima maglia gialla della 97a edizione della corsa francese. Lo svizzero ha percorso gli 8,9 km contro il tempo come una moto, aggredendo l'asfalto e fermando il cronometro a 10 minuti netti. Come avrebbe detto un grande telecronista: per Cancellara tappa e maglia. In seconda posizione Tony Martin (HTC-Columbia) che chiude con 10" di ritardo; completa il podio David Millar (Garmin) con un ritardo di 20" dal vincitore.

CAPITOLO BIG. Lance Armstrong per ora sorride, chiude la prova 4° a 22", davanti al rivale Contador che termina 6° a 27". Ottima prova per entrambi; con il texano che anche psicologicamente inizia col piede giusto. Il campione del mondo Cadel Evans accusa un ritardo di 39" e si posiziona al 23° posto. Il nostro Ivan Basso si è classificato 72° accusando un ritardo di 55" dalla nuova maglia gialla e a mezzo minuto circa da Contador e Armstrong. Per il varesino una prova in linea con gli altri rivali per la classifica non specialisti in questo tipo di prove contro il tempo: Sastre paga 54", Menchov e Samuel Sanchez 56" così come Wiggins: irriconoscibile oggi anche a causa della pioggia. Buone prove per Leipheimer (Radioschack) che arriva a 28" e per il compagno di squadra Kloden 36", mentre il kazako Vinokourov lascia per strada 38".
Più di tutti lasciano sul terreno i fratelli Schleck, ma era stato messo in preventivo, Frank perde 57" e il fratellino Andy 1'e08". Evidentemente gli allenamenti con Cancellara non pagano per il momento. Male Vandevelde che a crono solitamente va bene, oggi invece arriva con 1 minuto di ritardo.
Tra gli italiani bene Malori a 35", mentre Cunego fa il possibile limitando i danni a 1'e13".
Da sottolineare il fatto che la prova è stata condizionata dal maltempo e che per questo motivo, i corridori hanno trovato condizioni stradali e metereologiche differenti.

IVAN VOLA BASSO?. Alcuni si aspettavano di più da Ivan Basso. La prova del leader della Liquigas è stata come detto in linea con molti dei contender per la maglia gialla di Parigi. Paga una trentina di secondi a Contador e Armstrong (circa 3 secondi al km), più adatti a questo tipo di prove, e 16" a Evans, ma questo era dato per scontato. La prova da un certo punto di vista può essere considerata sufficiente, visto che perde come Menchov e Samuel Sanchez e guadagna sugli Schleck, ma Basso è andato 1" più lento di Sastre e 4" più piano di Gesink, che sono scalatori puri. Da questo punto di vista quindi ci si poteva aspettare qualcosa di più dalla maglia rosa 2010, che avrà comunque modo di rifarsi su terreni più adatti. Il suo compagno di team , Roman Kreuziger, ha chiuso a 38". Basso oggi ha corso sui suoi livelli a cronometro da quando è tornato a correre nel 2009, certamente inferiori a quelli di un tempo e alle prove di alcuni rivali per la classifica generale. Contador e Armstrong sono andati vermamente forte e laciare 30" ai due rivali in 9 km, lascia un pò l'amaro in bocca, ma di qui in avanti ci sarà tempo per addolcirsela.

IMPREVISTI. Durente la crono si sono verificate due cadute. La prima di Frank (BMC) che ha chiuso a 3'e32" e l'altra di Cardoso (Footon) che ha terminato la prova a 6'e20" da Cancellara. Qualche escoriazione per i due che sono giunti al traguardo insanguinati, ma nessuna conseguenza grave per i due sfortunati corridori, bravi e generosi nel concludere comunque la prova.
Inoltre stamane il corridore Xavier Florencio non ha preso il via, dopo essere stato fermato dalla propria squadra per infrazione del regolamento interno. La Cervelò ha dichiarato che il corridore spagnolo ha assunto un farmaco contenente efredina (per curare un problema dovuto alla postura in sella) senza ricetta del medico della squadra. Fossero tutte così le squadre. Il team svizzero reintegrerà il corridore solo dopo aver ricevuto spiegazioni e nel frattempo correrà il Tour con soli 8 corridori. Si resta in 197 totali.



Classifica di tappa completa.

Nessun commento: