FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

sabato 31 luglio 2010

Luis Leon Sanchez vince la San Sebastian; italiani non pervenuti

Luis Leon Sanchez della Casse d'Epargne ha vinto la classica di San Sebastian. Continua così il dominio spagnolo in questa corsa; trionfatori nelle ultime tre edizioni e di ben sei nelle ultime otto. Sanchez ha preceduto sul traguardo un mai domo Alexandre Vinokourov (Astana) e il redivivo Carlos Sastre (Cervèlo), mentre la "medaglia di legno" va a Haimar Zubeldia (Radioshack), primo del gruppetto degli inseguitori. Ritirato Andy Schleck (Saxo Bank), completamente disinteressato alla corsa e mai in gara. Non pervenuti anche i corridori italiani, completamenti assenti nelle fasi calde e decisive della corsa. Mentre gli spagnoli fanno incetta di successi, continua per i nostri colori il lungo digiuno nelle classiche.


PUNTO CALDO. La miccia della corsa si è accesa li dove da diverse edizioni inizia la bagarre: al secondo passaggio sull' Alto de Jaizkibel, ascesa sulla carta non ripidissima, ma affrontata sempre a velocità sostenute e quindi in grado di fare selezione. Luis Leon Sanchez ha aperto le danze attaccando in modo deciso, e l'invito al ballo è stato accettato da Vinokourov e Sastre che lo hanno seguito dando vita così al gruppetto di testa. Tra gli inseguitori ottimo Gesink, che non ha resistito all'attacco dei tre, ma ha tentato successivamente di rientrare tirando fino al traguardo. Bene anche Zubeldia, grintoso nel credere fino alla fine al ricongiungimento, purtroppo per gli inseguitori mai avventuto. 

 FINALE SCRITTO. Vino e Sastre sapevano che in volata Sanchez sulla carta li avrebbe nettamente bruciati, grazie al suo spunto veloce ed esplosivo. Vinokourov ha voluto non lasciare nella di intentato provando un attacco ai meno 3 km a cui i suoi compagni di fuga hanno resistito. Sul traguardo Sanchez come da pronistico ha messo tutti alle proprie spalle: prima Vino e poi Sastre. Per lo spagnolo la vittoria più prestigiosa del 2010, per Vino l'ennesimo ruggito di un leone ancora grintoso e per nulla stanco. Sastre invece ha battuto il classico colpo, come a dire: ci  sono ancora! Cosa non fatta da Damiano Cunego, il più atteso degli italiani, mai visto in testa al gruppo e assente ingiustificato in una prova sulla carta adatta alle sue caratteristiche.

2 commenti:

filippo ha detto...

certo che sto vino è dal giro del trentino che non molla.. mah..
va ben che invecchiando si migliora..

Jeeper ha detto...

Diciamo che è un grintoso...:)...Comunque impressionante la sua potenza fisica.