FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

martedì 20 luglio 2010

Presentazione 16a tappa: Bagnères-de-Luchon - Pau

Martedì 20 luglio in programma la 16a tappa: la Bagnères-de-Luchon - Pau di 199.5 km totali. Si tratta della terza frazione pirenaica e si tratterebbe del classico tappone pirenaico con la scalata a: Peyresourde, Aspin, Tourmalet e Aubisque; non fosse che dopo il quarto GPM mancheranno ancora 60 km al traguardo. Una scelta bizzarra e inspiegabile quella degli organizzatori che decidono di rendere omaggio ai cento anni dei Pirenei con una tappa che rischia di dare poco spettacolo e relegare i Big a una passerella senza attacchi. Certamente avranno avuto le loro motivazioni, ma vedere così tante salite nella 1a parte di tappa e poi 60 km di pianura sembra uno spreco e non il modo migliore per accendere la corsa.

Nei 199.5 km si affronteranno quattro storici GPM:
Km 11.0 - Col de Peyresourde - 11.0 km al 7.4 % - Categoria 1
Km 42.5 - Col d'Aspin - 12.3 km al 6.3 % - Categoria 1
Km 72.0 - Col du Tourmalet - 17.1 km al 7.3 % - Categoria H
Km 138.0 - Col d'Aubisque - 29.2 km al 4.2 % - Categoria H

Probabile una fuga con all'interno uomini alla ricerca di punti per la maglia a pois visto che oggi ce ne sono in palio una caterba. Charteau, Cunego e company oggi si daranno battaglia per la maglia di miglior scalatore oltre che per la possibile vittoria di tappa.
Per gli uomini di classifica difficile fare qualcosa, visto che tutte le salite sono distanti dal traguardo. C'è il terreno per attaccare da lontano e cercare di recuperare minuti per far saltare il banco; se in giornata forse Ivan Basso potrebbe provare a salvare il proprio Tour con un'azione da lontano.
A.Schleck potrebbe avere voglia di riscatto dopo la sfortuna di ieri, ma potrebbe essere una pazzia in quanto l'Aubisque sulla carta non dovrebbe fare molta selezione.

Insomma, tanta salita e GPM duri, per una tappa che un tempo era soprannominata "giro della morte". Al tempo però non era in voga inserire così tanti km dopo l'ultima vetta. L'augurio è che la creatività e la combattività dei corridori riesca ad accendere una tappa sulla carta teoricamente incompiuta e che lascia dubbi e rimpianti. Rimane comunque una tappa Pirenaica, con il terreno per poter far selezione; resta da vedere come verrà affrontata, e chi avrà voglia di rischiare tra gli uomini di classifica. Unica certezza: una fuga fin dai primi km animerà la tappa.


Nessun commento: