FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

venerdì 14 maggio 2010

LA CACCIA ALLA LEPRE FALLISCE ANCORA

Le prime asperità della corsa non smentiscono l'andamento di un Giro che continua ad essere terreno fertile per i ciclisti stranieri e per i tentativi da lontano: oggi è toccato all'australiano Matthew Lloyd, 27enne in forza all'Omega Lotto. La sua fuga assieme allo svizzero Ruben Bertogliati, come era successo già ieri, non viene arginata a dovere dal gruppone dove la Liquigas si è limitata a preservare la maglia rosa Nibali da eventuali rischi. Cosa che non è riuscita a Paolo Tiralongo, gregario di Vinokourov, vittima di una caduta in discesa (fortunatamente senza gravi conseguenze) che lo costringe al ritiro. La tappa si decide ai meno 8 km dall'arrivo: sul GPM di Bedizzano Lloyd, più scalatore di Bertogliati, riesce a staccare l'elevetico e a mantenere il distacco fino al traguardo di Marina di Carrara. Il gruppo giunge in volata a 1'15'' regolato da Hondo. "Incredibile, sono in stato di shock. Il Giro d'Italia ha qualcosa di romantico e speciale" ha dichiarato Lloyd al suo più importante centro in carriera. D'umore opposto il corridore di "casa" Petacchi: il ciclista spezzino, reduce da una bronchite che ne ha limitato il rendimento in queste prime tappe ha provato ad attaccare nella discesa di Spolverina ma senza riuscire a staccare il gruppone. Il successo per un ciclista italiano rimane dunque ancora un tabù ma già dalla tappa di domani attendiamo un riscontro dai nostri campioni da classica Cunego e Pozzato.

Nessun commento: