FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

lunedì 17 maggio 2010

ITALIA, NUOVA TERRA DEI CANGURI



Dopo le vittorie di Lloyd e di Evans in Toscana un' altro australiano, il 23enne Matthew Goss della Columbia (VEDI FOTO), riesce ad aggiudicarsi una tappa del Giro. Numeri impressionanti quelli dei ciclisti oceanici, capaci di vincere la metà delle tappe sin qui disputate in terra italiana e detentori della maglia bianca di miglior giovane con Richie Porte. Il successo di Goss, già secondo nell'arrivo ad Utrecht, è giunto al termine di un entusiasmante volata lungo il falsopiano di Cava dei Tirreni, favorito dallo scatto dell'elvetico Bertogliati agli 800 dal traguardo. La leggera pendenza (3%) e l'elevata condizione fisica hanno portato nelle prime posizioni Vinokourov ed Evans i quali hanno tirato il gruppo cercando di sorprendere i velocisti sul loro terreno. A 150 m dal traguardo è ancora Evans in testa ma dietro di lui rinvengono sia Tyler Farrar che Goss, il quale, passa in scioltezza l'americano e resiste al ritorno di Pippo Pozzato, bravo a chiudere in seconda posizione. Ha deluso David Millar, incapace di tirare una degna volata a Farrar, il quale comunque, grazie l'abbuono del terzo posto di oggi, torna a vestire la maglia rossa. Una tappa, quella odierna, caratterizzata ancora una volta dal maltempo, il quale ha imperversato soprattutto nella prima parte, in Ciociaria, dove si è abbattuto un nubifragio che ha letteralmente allagato le strade. Tant è che nel gruppo qualche spiritoso corridore ha voluto mimare il gesto del nuotatore per sottolineare le pietose condizioni dei ciclisti sull' asfalto. Gesto del nuotatore che non è stato ripetuto da Carlos Sastre, il quale è nuovamente affogato in classifica, complice una foratura a pochi km dal traguardo. Il capitano della Cervelò, il quale ha dichiarato di essere stato bersagliato dalla “mala suerte”, è ora 22esimo in classifica, a 10' da Vinokourov, decisamente troppo per poter ambire alla vittoria finale. Chiudiamo aprendo una breve parentesi su Gilberto Simoni: il 38enne scalatore dopo 5 podi e 2 vittorie al Giro negli ultimi dieci anni ha deciso di partecipare alla corsa rosa per provare a far bene in qualche tappa nonostante una condizione di forma tutt'altro che brillante (come da lui stesso denunciata già nel Giro del Trentino). Ieri, nel primo arrivo per scalatori, ha preso ben 12' da Sorensen e dopo 9 tappe accusa già più di un ora di ritardo da Vinokourov. Va bene sacrificare la classifica a fine carriera concentrandosi solo su qualche tappa, come fece l'anno scorso nell'ultima settimana, ma limitarsi ad arrivare nel gruppetto velocisti senza scoprire mai il volto ci pare un affronto e una mancanza di rispetto... In primis verso i propri tifosi, poi nei confronti di una corsa, il Giro, che tante soddisfazioni gli ha dato e che chiede all'ultima partecipazione di Gibo almeno un briciolo di onore e impegno.

2 commenti:

Manuel (Ciclismo PST) ha detto...

Due domande;
1 - Siamo al Tour Down Under e non ce l'hanno detto?
2 - Ma Simoni che c***o ci fa al Giro? Sembra di vedere un granfondista messo in mezzo ai prò.

Intanto gli italiani non sanno più vincere. Sarà mica che l'Italia è la prima nazione vera vittima delle corse radio-comandate?
E Pozzato contunua inanellare piazzamenti, piazzamenti, piazzamenti, piazzamenti...

Jeeper ha detto...

Non c'è un Velocista più forte degli altri e soprattutto non c'è una squadra in grado di fare il treno...per cui ogni sprint è il caos. E' da mesi ormai che il ciclismo italiano non vince una classica importante e l'ultimo Giro vinto da un Italiano è stato quello 2007 a Di Luca. Per carità in 10 anni 4 mondiali e 1 olimpiade non ci si può lamentare...ma da qualche tempo noto un declino. Speriamo in Nibali e Basso per Giro e Tour.
Simoni penso faccia niente di più che una passerella finale.
Pozzato dovrebbe dare una svolta è vero...ma non si sa mai, fino a settembre scorso anche Evans era un piazzato. Secondo me serve una vittoria importante per potersi sbloccare...