FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

venerdì 4 giugno 2010

UNA MAGLIA VERDE DI RABBIA


Non c'è ne voglia l'onesto faticatore Lloyd ma l'operato degli organizzatori, per quanto riguarda la classifica della maglia verde nel Giro di quest'anno, ci lascia quantomeno basiti. Se il titolo del miglior scalatore in un edizione dove sono state affrontate numerose montagne oltre a salite mitiche come lo Zoncolan, il Grappa, Plan de Corones, il Mortirolo e il Gavia è andato con un punteggio molto basso (56 punti) a Matthew Lloyd, che scalatore puro non è, un motivo deve pur esserci. I criteri per l'organizzazione dei Gpm sono stati così ripartiti: 20 punti per il vincitore della Cima Coppi 15 al secondo 10 al terzo e così via fino al sesto; 15 punti al vincitore di un arrivo in quota (10 al secondo 6 al terzo), 10 punti al vincitore di un arrivo di prima categoria (6 al secondo 4 al terzo), 5 punti per il primo a transitare su un gpm di seconda categoria, 3 per il migliore in un gpm di terza categoria. Queste regole hanno fatto si che salite come il Mortirolo e il Monte Grappa ricevessero gli stessi punti di salite come il Foscagno e il Passo delle Palade, dure per carità, ma posizionate troppo lontane dal traguardo per far si che i big potessero provare qualcosa. Per non parlare del Tonale (12 km al 5,2% di pendenza media) che attribuiva gli stessi punti dello Zoncolan (10 km al 12% medio) solo perchè entrambe erano sede dell'arrivo di tappa. Con questi criteri, che riteniamo obrobriosi, è successo che in tappe come quella di Marina di Carrara (dove Lloyd ha affrontato tre salitelle in testa da solo) fossero assegnati più punti rispetto alla salita del Mortirolo (tappa nella quale la maglia verde è giunta al traguardo 23' dopo i primi). Traguardo quello dell'Aprica che, per un motivo a noi sconosciuto, non era considerato gpm. Come è possibile visto che la salita, affrontata una prima volta dallo stesso versante dopo 100 km di corsa, aveva assegnato in quel passaggio 5 punti?? Tenendo conto che Ivan Basso in questa ascesa ha ottenuto una bella fetta di Giro rifilando 3' ad Arroyo ed Evans non sarebbe stato il caso di premiare lo sforzo suo di Scarponi e Nibali? No ovviamente, visto che Scarponi, vincitore di giornata e sempre protagonista sulle salite ha accumulato quel giorno appena 4 punti. La farsa della maglia verde è stata palesemente evidente il giorno del tappone del Gavia dove erano presenti ben 5 Gpm. Ben 53 punti sarebbero stati assegnati ad un ciclista che, andato in fuga, avesse scollinato per primo su tutte le salite previste. Sarebbe bastato pertanto, ai vari corridori che avessero accumulato qualche punto in montagna, impegnarsi a fondo solo in questa tappa per portare a casa il titolo di miglior scalatore del Giro. Ovviamente la fuga c'è stata e Lloyd ha avuto il via libera per andarsi a conquistare la maglia sulle prime tre ascese di giornata. Sul Gavia, tra l'altro, non c'è stata battaglia: motivo per il quale anche i 20 punti assegnati hanno perso molto del loro criterio meritocratico. Così l'eroe di giornata Tschopp è riuscito a conquistare quel giorno ben 37 dei suoi 38 punti totali nella classifica della maglia verde, concludendo al terzo posto. Come risolvere dunque la perdita di prestigio di una maglia, quella verde, che in un passato non troppo lontano veniva assegnata a Marco Pantani nell'anno della doppietta Giro-Tour? Sicuramente per determinare una volta per tutte le reali capacità di scalatore di ogni ciclista bisognerebbe cronometrarne singolarmente il tempo di ascesa su ogni Gpm. Purtroppo questo procedimento è molto lungo e complicato per gli organizzatori ma noi di ciclismoaruotalibera abbiamo il nostro piano B: si tratta di prendere ad esempio il Tour de France stabilendo sulle salite più lunghe e impegnative una sorta di Gpm Hors Categorie (in francese fuori categoria) che dia almeno il doppio dei punti rispetto ad una ascesa attuale di prima categoria. Chiudiamo ricordando che in Francia il miglior scalatore del Tour (maglia a pois) è spesso più popolare e amato addirittura della maglia gialla. Secondo voi un motivo c'è??

2 commenti:

filippo ha detto...

per una volta dobbiamo giustamente prendere lezione dai francesi..
PS: che motivo c'era cambiare la maglia fucsia con quella rossa?..
mah.. stranezze dell'organizzazione..

mr.dry ha detto...

Secondo me per completare il tricolore visto c'erano già maglia bianca e verde...ma la mia è solo un ipotesi ;)