FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

venerdì 25 marzo 2011

Un francese per la 5a tappa in Catalunya

Oggi sì è corsa la 5a frazione della corsa catalana che si concluderà domenica con la passerella finale a Barcelona, capoluogo della regione.
Una tappa con un chilometraggio significativo ma non particolarmente dura da affrontare. Erano 205 i km da percorrere per coprire la distanza da El Vendrell a Tarragona, affrontando due gran premi di seconda categoria, uno dopo il chilometro 80 di corsa e l'altro poco dopo i 120 da inizio gara.
 Sulla carta una tappa dedicata esclusivamente ai velocisti e con poche chances di attacchi solitari, dato il finale in leggero discesa che facilita eventualmente chi è destinato a rincorrere e non certo chi tenta di avvantaggiarsi in testa.
Il tentativo di fuga più volenteroso è portato da quattro atleti, corridori di tutto rispetto: Masciarelli (Astana), Froome (Sky), Vanendert (Omega Pharma-Lotto) e Cusin (Cofidis). 
Soprattutto l'italiano Francesco Masciarelli può vantare una posizione di classifica più che vantaggiosa, essendo distanziato nelle generale di soli 1 minuti e 57 secondi dal capoclassifica della Saxo Bank, Alberto Contador.
I quattro collaborano di comune accordo e per svariati chilometri riescono a mantenere un vantaggio di 5' sul gruppo, facendo sì che Masciarelli diventi leader virtuale della corsa.
La Saxo Bank è così costretta ad aumentare il ritmo in testa al gruppo quando ci si trova ancora distanti dal traguardo finale. Il vantaggio dei fuggitivi diminuisce e ai meno 20 dall'arrivo, si aggira attorno ai 2 minuti, scongiurando in questo modo qualsiasi possibilità di cambio al vertice nella classifica finale post tappa.
Ma la fuga ha ancora modo di essere portata al termine: i quattro davanti conservano ancora un minuto di vantaggio a 7 km dalla fine. A questo punto si mettono a forzare in testa al gruppo anche le formazioni dei velocisti ed in un rocambolesco finale, vengono ripresi gli attaccanti a duemila metri dall'arrivo e in contemporanea parte lo sprint finale.
Nel caos più totale e nella prontezza di riflessi ed isitinti è il francese della Cofidis, Samuel Dumoulin a scegliere i tempi giusti e a conquistare la sua prima vittoria stagionale davanti all'eterno piazzato di questa settimana, Rojas Gil (Movistar) e allo spagnolo dell'Euskaltel Ruben Perez.
La classifica generale non muta aspetto per le posizioni. Sempre Contador il leader assoluto seguito da Scarponi e Leipheimer.

ORDINE D'ARRIVO
1 Samuel Dumoulin (Cofidis)
2 Jose Joaquín Rojas (Movistar)    S.T.
3 Rubén Pérez (Euskaltel-Euskadi) S.T.
4 Aitor Galdos (Caja Rural)       S.T. 
5 Michal Golas (Vacansoleil)       S.T.
6 Diego Milán (Caja Rural)         S.T.
7 Nicolas Roche (AG2R)           S.T. 
8 Manuel Cardoso (RadioShack)    S.T.
9 Kenny De Haes (Omega Pharma-Lotto)  S.T.
10 Frantisek Rabon (HTC-Highroad)      S.T. 

Nessun commento: