FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

giovedì 10 marzo 2011

Caso Pellizzotti: il friuliano fermato fino a maggio 2012

Nonostante l'assoluzione da parte del Tribunale Antidoping Nazionale Italiano, Franco Pellizzotti è stato sospeso dalla sua attività di ciclista per due anni a partire dal maggio 2010
In quell'occasione l'ex Liquigas non potè correre il Giro d'Italia della passata edizione in quanto i valori del suo passaporto biologico non risultavano chiari
Da quel momento uno stop forzato e l'annata 2010 letteralmente buttata al vento, proprio quando il delfino di Bibione era pronto per il salto di qualità definitivo volto a cercare di conquistare una grande corsa a tappe.  
Il 2011 sembrava regalargli scenari migliori: il Coni aveva dato il via libera per il suo reintegro ma l'Uci ha fatto ricorso ed ha avuto ragione visto la sentenza del Tribunale di Losanna.

Sentenza che era stata preceduta da un interrogatorio fiume di 10 ore al quale era stato sottoposto Pellizzottti (NELLA FOTO IN MAGLIA A POIS AL TOUR DE FRANCE2009).
Pertanto si riscrivono una volta di più le classifiche a posteriori, e al corridore ex Liquigas viene revocata la maglia a pois del 2009 e il terzo posto al Giro d'Italia dello stesso anno.
Deluso e amareggiato prima dall'esito del caso e poi dal sistema stesso, lo stesso Pellizzotti commenta: "Non voglio più sapere nulla del ciclismo. Sono deluso da questo sport e dalla giustizia.Sono una vittima del sistema del passaporto biologico che in effetti è una tecnica valida ma semplicemente da applicare in maniera differente".
L'anno prossimo Franco Pellizotti avrà 34 anni e la possibilità di tornare a correre, come hanno fatto tanti altri è sempre ipotizzabile. Certo il periodo migliore della sua carriera, in costante crescita, era questo e lo sa bene il corridore friuliano che d'ora in avanti non potrà godere più di infinite chances.
Ma questo ciclismo dalle mille cadute e dalle altrettante risalite è pronto a stupirci in qualsiasi momento.
Peccato che il più delle volte lo faccia in negativo.

Nessun commento: