FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

lunedì 13 settembre 2010

Il FINALE PREMIA ANCORA PURITO, Nibali cede la rossa allo spagnolo

Il tanto atteso tappone montano rimescola un poco le carte in attesa della cronometro di mercoledì e dell'arrivo in salita di sabato che decideranno questa Vuelta 2010. Sull'Alto de Cotobello ha vinto Mikel Nieve dell'Euskaltel, (VEDI FOTO) ex gregario di Anton ora tornato in gioco anche in ottica classifica generale. Un azione iniziata sulla prima ascesa affrontata oggi, l'Alto de San Lorenzo, nella quale Nieve è stato scortato dal fido compagno Txurruka. A poco meno di 60 km dall'arrivo il duo Euskaltel riprende i fuggitivi della prima ora tra cui figurano De Weert, Leon Sanchez e Peterson. Il gruppo maglia rossa transita incolume sul primo passo mentre sull'Alto de la Cobertoria è Frank Schleck a movimentare la corsa. Un attacco dimostrativo quello del lussemburghese, che si fa un paio di km in avanscoperta giusto per avvisare i big della sua ottima condizione odierna. Allo scollinamento mancano 40 km al traguardo e i 5 davanti non sembrano avere chances visto il margine di 1'40''. Ma, nonostante il lavoro di Willems della Liquigas, che viene richiamato dall'ammiraglia per aiutare il suo capitano Nibali nel tratto pianeggiante, la davanti non perdono un metro. Anzi, non appena il gregario Liquigas esaurisce il suo lavoro, il vantaggio torna ad aumentare a causa della disorganizzazione del gruppo maglia rossa. Ai piedi dell'ultima salita (10 km all'8% medio) i battistrada hanno 2'30'' di vantaggio su Nibali e il basco Nieve, riposatosi in pianura, parte a testa bassa subito sulle prime rampe dove nessuno è in grado di tenergli testa. Anche nel gruppo dei migliori le prime rampe del Cotobello accendono la tappa: è ancora Frank Schleck a salutare la compagnia seguito da un ottimo Danielson. Nonostante l'accelerata, il gruppo Nibali scorato dal delfino Kreuziger, non è in grado di rientrare sul duo di contrattaccanti. Rimangono però solo i migliori alla ruota dello Squalo a eccezione di Tondo Volpini subito in difficoltà non appena iniziato il Cotobello. Ai meno 6, quando il vantaggio di Schleck è di circa 18'' Carlos Sastre prova a riportarsi sotto con una delle sue sparate che lo hanno caratterizzato in quest'ultima stagione. Il tentativo di Carlos serve esclusivamente a motivare di più Schleck che risponde più volte all'azione del castigliano (staccando Danielson) prima di involarsi a sua volta, a circa 3,5 km dall'arrivo, tutto solo alla caccia degli ultimi fuggitivi rimasti. Vincenzo Nibali affronta tutta la salita in seconda ruota dietro a Kreuziger ma forse la sua è solo una mossa per spaventare gli avversari impedendo loro di scattare troppo presto. Che il messinese non stia benissimo è evidente nel corso dell'ultimo km dove Mosquera decide di partire seguito da Rodriguez.

Vincenzo arranca e perde subito parecchi metri mentre Puerito, resosi conto della difficoltà del leader, contrattacca per guadagnare il più possibile. Nieve intanto suggella il suo tentativo con la meritatissima vittoria di tappa che lo fa scalare 11esimo nella classifica generale. Dietro di lui Schleck riesce a saltare sia Leon Sanchez che De Weert regalandosi così un importante secondo posto a 1'06''. Dietro al belga della Quick Step arriva uno scatenato Rodriguez specialista ormai degli sprint in salita a 1'22''. Mosquera, che aveva dato fuoco alle ceneri perde 18'' da Puerito precedendo Garcia, Roche e Sastre. Solo decimo Nibali che paga nuovamente quell'ultimo maledetto km. Stavolta sono ben 37 i secondi di ritardo da Rodriguez che oggi gli soffia la maglia rossa (ma non ancora la Vuelta). Un ritardo, quello accumulato da Nibali, che col senno di poi possiamo definire accettabile visto che mercoledì, dopo il riposo di domani, lo Squalo avrà la grande opportunità di infliggere distacchi decisivi in un percorso che lo vede come l'uomo di classifica più accreditato....non ci resta che augurare a Vincenzo un buon riposo sperando che nell'ora della verità sappia rispondere nuovamente presente!



NUOVA CLASSIFICA GENERALE

1 RODRIGUEZ, Joaquin KAT 70h 24' 39''
2 NIBALI, Vincenzo LIQ + 33''
3 MOSQUERA, Ezequiel XAC + 53''
4 SCHLECK, Frank SAX + 2' 16''
5 ROCHE, Nicholas ALM + 3' 01''
6 VELITS, Peter THR + 4' 27''
7 DANIELSON, Thomas GRM + 4' 29''
8 TONDO, Xavier CTT + 4' 43''
9 SASTRE, Carlos CTT + 4' 53''
10 GARCÍA, David XAC + 6' 23''
11 NIEVE, Mikel EUS + 6'30''

2 commenti:

Jeeper ha detto...

Complimeti a Nieve e alla sua azione coriacea e audace. Bello vedere vincere questi ragazzi baschi che corrono sempre all'attacco e interpretano la corsa con grinta e coraggio. Bello anche vedere vincere un gregario che solitamente fa bene il suo lavoro prima di defilarsi e lasciare spazio al proprio capitano. Peccato per Vincenzino, che ha però tenuto duro nonostante la giornata non al top. Però è li. Martedì speriamo abbia la forza per dare una mazzata a cronometro!

Manuel (Ciclismo PST) ha detto...

Va bene così. Un mattone alla volta, pian piano, pian piano, pian piano... però mercoledì ci vuole il garone a crono.
Alè Vincenzo!