FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

lunedì 31 gennaio 2011

Vacancesoleil in ProTour 2011 e le sue pedine italiane

La stagione della Vacancesoleil si è aperta con una buona notizia prima dell'avvio delle corse: l'UCI ha assegnato la licenza ProTour alla squadra olandese che quest'anno quindi potrà partecipare a tutte le maggiori competizioni che si svolgeranno sul suolo europeo. 
Con corridori internazionali del calibro di Ezequiel Mosquera, Stijn Devolder, Roman Feillu, Bjorn Leukemans (quarto al Fiandre 2010) e Johnny Hoogerland (undicesimo nella stessa gara) le soddisfazioni potranno essere molte sia per ciò che concerne le Grandi Classiche sia per i Grandi Giri. A questi ultimi aspira con notevoli ambizioni la punta italiana della squadra: Riccardo Riccò (27 anni) il quale dopo aver scontato i 2 anni di squalifica ed aver ripreso lo scorso aprile in campo agonistico, è conscio del fatto che la presente annata deve vederlo protagonista nelle corse a tappe.

Il 7o posto del modenese al GP La Marseillaise (3o il compagno di team Roman Feillu) è una prova del crescere della sua condizione psico-fisica, tanto che lui stesse ammette di "essere consapevole delle attese di riscatto". 
Un altro corridore italiano atteso è Matteo Carrara (31 anni) di Alzano Lombardo, da anni instancabile attaccante di giornata con un buon palmares di vittorie (Giro del Lussemburgo 2010) e ottimi piazzamenti, purtroppo sempre limitati dal dover dipendere dalle wild-card assegnate alle sue società, per poter per lo meno partecipare alle gare più eccelse. Quest'anno è diverso: sarà lui a scegliere il calendario e non il calendario ufficiale a doverlo scegliere. 
Infine una nota di merito a Marco Marcato, 26 enne velocista veneto, alla sua seconda stagione nel team dei Paesi Bassi. Marcato è appunto un velocista ma con buona resistenza nelle salite medio-brevi e si è costruito un percorso fatto di molta "gavetta" che lo sta portando ad emergere sempre più. Negli anni scorsi vittorie al Giro d'Irlanda e Giro del Messico e altri numerosi piazzamenti gli hanno valso l'ingaggio in questo team giovane ed ambiziosi. E quest'anno facendo parte di una squadra ProTour si toglierà delle soddisfazioni potendo competere su strade, che fino ad oggi non aveva mai calcato: " Essere competitivi a Giro e Tour in primavera è quasi impossibile. Scegliere sarà quindi fondamentale. Il Giro ha il fascino della corsa da bambino, il Tour è la corsa per definizione. In carriera non ho partecipato a nessuna delle due, quindi, hanno un fascino ancora maggiore."
Perciò non ci resta che augurare buona fortuna alla mini-troupe italiana che porterà in giro i colori gialloblù di questa ambiziosa, e dotata, formazione ciclistica dal marchio "orange".

1 commento:

mr.dry ha detto...

Con Mosquera in attesa del verdetto sulla sua presunta positività alla Vuelta mi chiedo chi potrebbe essere il "vice" Riccò. Devolder è reduce da un annata deludente, Feillu non ha mai convinto più di tanto mentre i due belgi non li avevo neppure sentiti nominare...forse saranno proprio gli italiani Carrara e Marcato a portare a casa il bottino più consistente di vittorie in casa Vacansoleil