FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

sabato 19 febbraio 2011

Vacansoleil scarica Riccò

Dopo l'iniziale silenzio del team olandese in merito ai fatti avvenuti al loro tesserato Riccardò Riccò, la dirigenza della società ha licenziato il 27enne corridore modenese per aver violato il regolamento interno. Già ad inizio mese la squadra aveva sospeso in via cautelare il "Cobra" di Formigine, dichiarando poi che avrebbe rotto il contratto di lavoro in caso vi fosse stata la certezza effettiva di doping.

Riccardo Riccò è stato da poco dimesso dal reparto di cardiologia di Baggiovara (Modena) dove era stato ricoverato con un blocco renale ed un'embolia polmonare in data 6 febbraio. In questi giorni sarà ascoltato dalla Procura di Modena che ha aperto un fascicolo per violazione della legge sul doping. Molto probabilmente in seguito verrà convocato anche dalla Procura Antidoping del Coni per chiarire la sua situazione e la faccenda legata all'auto-emotrasfusione di sangue che lo costringerà per la seconda volta, l'ultima a detta di molti, a stare lontano dalle corse.
Il primo riscontro pratico dunque è l'abbandono da parte della squadra: la Vacansoleil, formazione neo-ProTour che aveva ingaggiato Riccò a luglio 2010 e riponeva fiducia e aspettative nell'ex Flaminia e Saunier Duval per quel che concerne le grandi corse a tappe. Lo stesso Riccò era ansioso di tornare ai livelli massimi del ciclismo internazionale. Dopo una prima parte del 2010 piuttosto positiva, aveva deciso di "scaricare" la Ceramiche Flaminia, la squadra che lo aveva rilanciato dopo lo scandalo Tour de France 2008, per approdare in una formazione più ambiziosa e di caratura internazionale.
Alla fine della storia si arriva alla conclusione che tutte le parti rimaranno deluse. Vacansoleil senza uomo chiave per puntare ai Grandi Giri (l'altro Mosquera ha una situazione ancora tutta da chiarire, dopo i sospetti su di lui nella Vuelta 2010); ciclismo italiano che perde, forse definitivamente, una grande promessa e soprattutto un giovane corridore con una decina d'anni di carriera davanti; i tifosi dovranno ridimesionare nuovamente la loro prospettiva.
I tifosi, sempre in prima linea ad assistere alle gesta dei "loro" corridori lungo altipiani, montagne, pianure e colline. I tifosi come spettatori che sempre sono disposti ad accedere al teatro e pagare il biglietto prima che il sipario si alzi. I tifosi mettono in discussione le loro emozioni, si sforzano di non portare mai in platea, con sè, i pregiudizi e i facili moralismi. Poi si siedono, attendono e applaudono tutti i partecipanti della Carovana.
Tutti sebbene molti non meriterebbero nemmeno una pacca sulla spalle d'incoraggiamento.
Ma i tifosi del ciclismo hanno un cuore infinito e dopo una spettacolo di basso livello si aspettano che quello successivo sarà di gran soddisfazione. E aspettano, e aspettano...

Nessun commento: