FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

domenica 10 ottobre 2010

Insaziabile Gesink: bis al giro dell'Emilia!

Robert Gesink, classe 1986, è uno dei giovani più promettenti nel panorama ciclistico internazinale ed ha fame di vittorie. Lo ha dimostrato anche oggi, vincendo il Giro dell'Emilia grazie ad una fantastica azione nell'ultimo passaggio sul muro del Santuario di San Luca, dove si è involato verso il successo regolando nel finale l'onnipresente Daniel Martin (Garmin) e il portabandiera italiano Michele Scarponi (Diquigiovanni). Per il talentuoso olandese si tratta del Bis, dopo il successo targato 2009 sempre sulle prestigiose strade del Giro dell'Emilia. Questo successo si aggiunge al 6° posto ottenuto al Tour de France, alla tappa vinta al Giro di Svizzera (che ha chiuso al 5° posto nella generale) e al prestigiso successo nella nuova classica Pro Tour in terra canadese: il Gp di Montrèal.

Il Giro dell'Emilia si è deciso nell'ultima fase della corsa. Dopo vari tentativi partiti da lontano sono rimasti davanti Hoogerland, Stortoni e Brambilla al quale si aggiunge Jakob Fuglsang (Team Saxo Bank) dopo un'azione decisa in solitario. A questo punto è  Giovanni Visconti che parte dal gruppo dei migliori, che era all'inseguimento dei fuggitivi, senza però trovare fortuna. Al quarto passaggio sul San Luca restano davanti solo  Hoogerland e Fuglsang con qualche secondo sul gruppo dei favoriti, che vedeva la presenza di Nibali, Riccò, Martin, Scarponi, Pozzovivo e Gesink. Nell'ultima discesa di giornata avviene il ricongiungimento; il gruppo dei Big riprende i due fuggitivi formando un drappelo di 14 unità che andrà a giocarsi la gloria di giornata sull'ultima ascesa al Santuario di San Luca. Appena la strada si impenna ci prova subito Martin deciso a trovare l'ennesio successo in terra italiana. Robert Gesink appare però il più fresco e competitivo in salita, staccando tutti e andando a concedere il Bis al Giro dell'Emilia. Nibali e Riccò nel finale mancano di brillantezza e pagano qualcosa. 

Gesink all'arrivo confessa "Ho rinunciato al Mondiale di Melbourne per preparare al meglio Giro dell'Emilia e Giro di Lombardia; ne è valsa la pena, sono felicissimo". Come dargli torto. Talentuoso, giovane e intelligente. Sentiremo molto parlare di lui in futuro. Forse già dall'imminente Giro di Lombardia? Gesink ha fame.


Ordine d'Arrivo

1) Robert Gesink (Rabobank)
2) Daniel Martin (Garmin Transitions)
3) Michele Scarponi (Androni Giocattoli Serramenti Pvc Diquigiovanni)
4) Alexandr Kolobnev (Team Katusha)
5) Vincenzo Nibali (Liquigas)
6) Domenico Pozzovivo (Colnago Csf Inox)
7) Jerome Coppel (Saur Sojasun)
8) Xavier Tondo Volpini (Cervelo Test Team)
9) Riccardo Riccò (Vacansoleil)
10) Patrik Sinkewitz (Isd Neri)

Nessun commento: