FRASE CELEBRE

"Il ciclismo mi mancherà certo, ma anche io, ne sono convinto, mancherò al ciclismo".

Marco Pantani


ciclismoAruotaliberA su youtube:

Loading...

Vota il nostro blog

Cerca nel blog

PRIMO PIANO

giovedì 7 ottobre 2010

Firenze 2013: Il mondiale di ciclismo torna in Italia!


Pochi giorni prima del Mondiale di ciclismo australiano c'è stata grande soddisfazione in casa azzurra per l'assegnazione della manifestazione iridata alla città di Firenze nell'edizione 2013. Una prima volta storica dunque per una terra, quella toscana, che pur avendo dato i natali a mostri sacri della bicicletta come Gino Bartali, Fiorenzo Magni e Gastone Nencini senza dimenticare i più recenti Mario Cipollini, Michele Bartali e l'attuale CT della nazionale Paolo Bettini, non aveva ancora ospitato un edizione mondiale. Entusiasta il presidente della Federciclismo Renato di Rocco orgoglioso delle capacità organizzative dimostrate dal Comitato Organizzatore presieduto da Claudio Rossi che hanno presentato un progetto vincente in grado di amalgamare le bellezze del territorio alle difficoltà altimetriche per i ciclisti. Un mondiale, quello fiorentino, che è già stato svelato e prevede, rispetto all'edizione di Melbourne alcune sostanziali novità. Innanzitutto il numero delle gare che passerà da 6 a 12 con le novità delle categorie juniores maschili e femminili che disputeranno una prova in linea e una contro il tempo e della cronosquadre riservata ai professionisti uomini e donne. Le prime 4 gare saranno previste già dal prossimo mondiale che si terrà a Copenhagen nel 2011 mentre le cronosquadre entreranno in vigore dall'edizione 2012 che si disputerà tra Maastricht e Valkenburg in Olanda. Altra novità il numero delle città ospitanti che saranno ben 4: oltre al capoluogo toscano (dove si concluderanno tutte le gare nella zona dello stadio Franchi) ci saranno anche partenze da Pistoia, Montecatini Terme e Lucca, da dove partirà la prova degli Elite. Un percorso questo disegnato dall'eroe della Roubaix 1999 Andrea Tafi, l'ultimo ciclista italiano ad aggiudicarsi la classica del pavè. Si partirà appunto da Lucca e dopo 90 km lungo i quali saranno toccati l'abitato di Collodi (in onore allo scrittore di Pinocchio che sarà mascotte della kermesse) e Casalguidi, dove risiedeva Franco Ballarini, si giungerà a Firenze dove sarà affrontato un circuito cittadino di 16 km. Circuito scoppiettante con due salite previste: quella che porta a Fiesole lunga 4,8 km con pendenze media del 6% e punte max del 9%, la seconda, a 4 km dall'arrivo, sarà il muro di Via Salviati, 600 metri al 12% con punte del 19%. Un circuito secondo Tafi: “perfetto per ciclisti come Nibali e Contador”. Per assicurarci se queste profezie potranno trasformarsi in realtà non ci resta che aspettare tre anni cercando di assistere in prima persona a ciò che avverrà il 29 settembre 2013...

2 commenti:

filippo ha detto...

finalmente un percorso selettivo e spettacolare..;)

Jeeper ha detto...

29 settembre 2013? Sempre che non si avveri la profezia dei maya!